ROMA. Colosseo, riaffiorano sulle arcate i numeri dipinti di rosso.

Pubblicato il : 23 Gennaio 2015
colosseo def

colosseo defLa pulitura del prospetto dell’Anfiteatro Flavio, ha dato alla luce tracce di colore con cui erano dipinti i numeri sulle arcate dell’Anfiteatro Flavio che indicavano gli ingressi nei diversi settori dell’arena.
“È una scoperta eccezionale – spiega la direttrice del Colosseo, Rossella Rea – perché non ci aspettavamo che qualche traccia di rosso fosse ancora conservata”. “La conservazione di queste tracce, dopo la pulitura del travertino, conferma la delicatezza dell’intervento di restauro portato a termine dalla Soprintendenza – sottolinea la direttrice operativa del restauro, Cinzia Conti – La nebulizzazione d’acqua rimuove lo sporco e il nero dello smog ma preserva le testimonianze antiche sottostanti”.
I numeri servivano a indicare agli spettatori l’ingresso giusto tra i 76 possibili del Colosseo. Per questa ragione, i numeri erano incisi nella pietra con lo scalpello per un’altezza di 34 cm e una profondità media di 2 cm. Le piccole parti di colore rosso, che i tecnici della soprintendenza Archeologica di Roma possono vedere da vicino grazie ai ponteggi collocati per il restauro, sono ben saldate alle scanalature a forma di X, L e I, a formare le insegne dei fornici che vanno dal 39 al 42 (XXXVIIII e XLII per la numerazione romana). Il rosso “è un colore che deriva dall’ossido di ferro, ricavato dall’argilla -spiega Cinzia Conti, responsabile delle operazioni di restauro delle superfici – le cui proprietà plastiche consentivano di stendere il rosso senza la necessità di alcun materiale legante. Il colore poteva resistere due o tre anni e doveva dunque essere riapplicato periodicamente sui numeri delle arcate di ingresso del Colosseo.
La riproposizione della coloritura è testimoniata da altre epigrafi, sulle quali abbiamo constatato la presenza di diversi strati di colore in sovrapposizione”.

Fonte: www.quotidianoarte.it , 23 gen 2015

Print Friendly, PDF & Email
Partners