Archivi

Professor Tuniz, Lei è autore insieme a Patrizia Tiberi Vipraio del libro La scimmia vestita. Dalle tribù di primati all’intelligenza artificiale edito da Carocci: cosa ci lega alle scimmie? Con le scimmie, un termine molto generale, spartiamo vari tratti anatomici ...

All’inizio, Luca Malaschnittschenko pensava di aver trovato l’ennesimo pezzo di alluminio senza valore. Ma quando il tredicenne con la passione dell’archeologia ha pulito via la terra da quel minuscolo oggetto insieme al suo mentore, Ralf Schoen, i due sono rimasti ...

La vistosa riduzione delle dimensioni dell’arcata sopraccigliare negli esseri umani moderni rispetto agli ominidi arcaici sarebbe legata allo sviluppo di una vita sociale più articolata: la maggiore mobilità delle sopracciglia permessa dall’appiattimento dell’arcata consente infatti di comunicare gli stati emotivi ...

È solo una piccola falange di 3,2 centimetri di lunghezza, ma significa molto per la ricostruzione della nostra storia. È il più antico fossile di Homo sapiens scoperto finora al di fuori dell’Africa e del Medio Oriente. È stato trovato ...

E’ lunga 8 metri ed alta 6 la parte delle mura medievali che cingono il centro storico di San Gimignano dichiarato patrimonio dell’umanità nel 1990 e che martedì pomeriggio sono collassate senza causare danni alle persone. La struttura delle mura ...

Un accampamento bizantino risalente a circa 1200 anni fa a pochissimi chilometri dalla foce del fiume Tordino. E’ quanto ipotizzano gli archeologi della sezione Bizantus di Firenze e gli studiosi di storia bizantina “Magnaura” di Reggio Calabria dopo che lo ...

Il prof. Pasquale Natella, emerito studioso della cultura longobarda, fa alcune considerazioni significative e scientifiche sulla mostra itinerante ‘Longobardi. Un popolo che cambia la storia‘ al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, appena conclusa, ma che ora si trasferirà a San ...

La bara si trovava da 150 anni all’interno del Nicholson Museum dell’Università di Sydney, ma non era mai stata esaminata o aperta. Fino all’anno scorso gli archeologi dell’Università di Sydney, in Australia, pensavano che fosse vuota: così dicevano i documenti. ...

Una foresta pluviale «deserta» che ospitava in realtà un milione di persone, in villaggi fortificati risalenti fra il 1250 e il Cinquecento. È questa l’inaspettata scoperta fatta dagli archeologi dell’Università di Exeter nel cuore dell’Amazzonia, nel Mato Grosso, in Brasile. ...

Un frammento di lucerna, laterizi e altro materiale dell’Età del Bronzo e di età romana da Augusto in poi. La scoperta, segno di presenza romana nell’antichità nella zona, è stata fatta nel corso di scavi per la riqualificazione di piazza ...

Segnala la tua notizia