NAZCA (Perù). Ricercatori giapponesi identificano altri due geoglifi.

Pubblicato il : 23 Gennaio 2011
9841-nazca
Un gruppo di ricerca giapponese ha detto Martedì che ha scoperto due nuovi geoglifi di Nazca in Perù. Il sito e’ stato dochiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO per le sue linee gigantesche e i geoglifi.
Il team, guidato da Masato Sakai, professore presso la Facoltà statale Yamagata University di Lettere e Scienze Sociali, ha detto che i due geoglifi scoperti di recente sembrano rappresentare una testa umana e un animale.
Nel 2006, lo stesso team ha annunciato la scoperta di circa 100 nuovi geoglifi sul Plateau Nazca, molti sotto forma di linee dritte e triangolari.
Yoichi Watanabe ha detto ai giornalisti che i nuovi geoglifi sono stati trovati circa 10 chilometri a nord di Nazca, dove si trovano giganteschi geoglifi di animali, pesci e insetti. Un tempio si trova vicino al luogo delle nuove scoperte.
“E’ raro trovare geoglifi di cose che vivono in questa parte del pianoro”, ha detto Watanabe.
Il geoglifo che sembra raffigurare una testa umana misura circa 4,2 metri di lunghezza e 3,1 metri di larghezza; i ricercatori hanno confermato le parti che sembrano due occhi, la bocca e l’orecchio destro.
L’analisi di oggetti terracotta scoperti nei pressi del sito indica che il geoglifo della testa umana fu tracciato nei primi anni della civiltà Nazca o versioni precedenti.
La civiltà Nasca fiorì tra circa il 200 a.C. e il 600 d.C.
La squadra giapponese ha iniziato gli studi presso il sito sull’altopiano di Nazca in agosto 2010 con l’autorizzazione del Ministero della Cultura del Perù.
I due nuovi geoglifi probabilmente non sono stati individuati nelle indagini aeree a causa delle loro piccole dimensioni, ha detto Watanabe.
Ha anche detto che il team ha presentato una relazione sulle nuove scoperte al Ministero della Cultura e che avrebbe esaminato le relazioni tra i geoglifi ritrovata e il vicino tempio.
Nazca si trova sulla costa meridionale del Perù, circa 400 km a sud della capitale Lima. Le linee e geoglifi di Nazca e della Pampas di Jumana sono stati aggiunti alla lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1994.
Le linee, che sono state incise tra il 500 aC e il 500 dC, sono tra i più grandi misteri dell’archeologia a causa del loro numero, forma e dimensione. Le linee e geoglifi coprono circa 450 km quadrati.

Fonte: http://japantoday.com 18 gennaio 2011

Print Friendly, PDF & Email
Partners