PERUGIA. Un percorso archeologico sotto il Duomo.

Pubblicato il : 23 Gennaio 2011
Sono aperti al pubblico gli scavi archeologici sottostanti il duomo di Perugia di proprietà del Capitolo della cattedrale di San Lorenzo.
Il percorso archeologico, che si estende per più di 1 km e scende per oltre 15 metri rispetto all’attuale piano della cattedrale, è il risultato di lavori di consolidamento effettuati nel sottosuolo della stessa e in quello dei locali attigui.
I ritrovamenti, in particolare un’area templare, risalgono alla Perugia etrusca, alla Perugia romana e a quella bizantino-romanica.
Percorrere il sito permette al visitatore di richiamare passaggi e personaggi della storia perugina, il «bellum perusinum», il corridoio bizantino Roma-Ravenna, i conclavi svoltisi a Perugia (cinque dal 1216 al 1305), Gerard du Puy, abate di MonMaggiore, i papi che vi soggiornarono e alcuni dei quali vi morirono (Innocenzo III, Urbano IV, Martino IV e Benedetto XI), Ladislao di Durazzo, Braccio Fortebraccio di Montone.
«Esistono “luoghi dello spirito”, con i loro caratteri e tratti distintivi, e il “Palinsesto di san Lorenzo” è destinato a diventarlo», ha rilevato Francesco Scoppola, direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Umbria, durante l’annuncio alla stampa dell’apertura degli scavi.  
I lavori sono iniziati nel 1986, ma la loro  accelerazione è avvenuta con i lavori del post terremoto e giubilari (1999), che hanno interessato la ristrutturazione del Museo diocesano, all’origine Museo Capitolare di San Lorenzo.
Il percorso, che si inserisce all’interno di quello museale diocesano, ma ha una sua autonomia a iniziare dall’accesso, è aperto al pubblico con visite guidate a orario, data la sua complessità.

Fonte: Il Giornale dell’Arte, edizione online, 21 gennaio 2011.

Print Friendly, PDF & Email
Partners