Lucio Tarzariol, La scoperta dell’occhio di Quetzalcoatl ed il segreto dell’occhio di Horus.

Pubblicato il : 8 Luglio 2010
querzar
Premetto che molte scoperte archeologiche non sono state fatte a colpi di piccone e pala, ma chiusi in uno studio o in un museo, infatti ciò che per lo scavatore non è che un pezzo tra le migliaia di reperti archeologici ad un attento ed oculato studio può rivelarsi unico, anche a decine di anni dal ritrovamento dello stesso; come accade al British Museum nel 1872, quando un semplice incisore di nome George Smith, appassionato dilettante di antichità assire, si trovo davanti ad una tavoletta assira proveniente da Ninive con il primo frammento ritrovato del resoconto del Diluvio.
Qui abbiamo una storia analoga, in quanto il reperto è giunto casualmente nelle mie mani più di cinquant’anni dopo il suo ritrovamento a Teotihuacan a 40 chilometri a nord-est di Città del Messico.
Il reperto archeologico che andrò a presentarvi e che ho battezzato come “Occhio di Quetzalcoatl”, ha dell’incredibile, in quanto è uno dei rari ritrovamenti che supporta la già fondata prova dell’esistenza di aeronavi in epoche remote che potevano solcare i cieli del nostro pianeta. Inoltre il reperto archeologico, per la capacità artistica e comunicativa della rappresentazione, rivela la sua unicità, nella vera interpretazione da dare alla corrispondente raffigurazione egizia del noto Occhio del dio Horus e dimostra nello stesso tempo, l’incontestabile esistenza di una civiltà evoluta ed arcana che aveva interessi e mezzi per sorvolare spazi e distanze che partivano da Eliopoli, ossia dalle terre d’Egitto fino a Teotihuacan in Bolivia e nelle altre terre dell’America protette da divinità come, per l’appunto Quetzalcoatl, Viracocha, Kukulkan, ecc..

Leggi lo studio completo nell’allegato.

Autore: Tarzariol Lucio, Vicolo tagliamento, 10 – S.Fior di Treviso
E-mail: reminiscenti@inwind.it – Tel. cell.3388807793

Print Friendly, PDF & Email
Partners