GRAN BRETAGNA. Il museo di Wrexham acquisisce un ‘significativo’ lingotto romano che trova un campo vicino a Rossett.

Pubblicato il : 20 Giugno 2020

Uno degli oggetti romani più significativi trovati in Galles negli ultimi anni è stato scoperto vicino a Wrexham e acquisito dal museo locale.
Il rilevatore di metalli Rob Jones ha scoperto un oggetto di metallo in un campo vicino a Rossett e un attento scavo ha rivelato l’angolo di un oggetto di piombo con “la scrittura” su di esso.
Jones di Coedpoeth, Wrexham ha avvisato l’agente di ricerca locale (Galles del Nord) per il programma di antichità portatile in Galles (PAS Cymru) con sede al Museo di Wrexham. Gli archeologi del Museo e del Clwyd-Powys Archaeological Trust hanno valutato ciò che era stato scoperto.
L’oggetto trovato era un grosso lingotto di piombo o “maiale” (lungo circa mezzo metro, del peso di 63 chilogrammi). La “scrittura” riportata da Jones era un’iscrizione latina del cast che confermava che era romana e aveva circa 2000 anni.
Lo sfruttamento delle risorse naturali della Gran Bretagna fu una delle ragioni citate dagli autori romani per l’invasione della Gran Bretagna da parte dell’imperatore Claudio nel 43 d.C. Il minerale di piombo o la galena contengono argento e piombo, ed entrambi furono beni preziosi per i romani. Meno di cento lingotti di piombo di questo tipo sono noti dalle miniere della Gran Bretagna romana. Questa rara scoperta è particolarmente significativa per archeologi e storici a causa della sua data potenzialmente precoce, della posizione del punto di ritrovamento e della sua iscrizione unica.
Il piombo è stato estratto e trasformato in diverse aree della nuova provincia, incluso nel nord-est del Galles, dove sono stati scavati siti di lavorazione del piombo vicino a Flint, presumibilmente minerali di fusione estratti dal vicino monte Halkyn. Numerosi lingotti di piombo di data leggermente successiva sono noti da queste opere, spesso contrassegnati con il nome della tribù locale pre-romana chiamata Deceangli.
Susie White, l’ufficiale di ricerca locale (NE Galles), ha commentato: “In passato è stato suggerito che un simile sfruttamento ha avuto luogo nell’area di Wrexham vicino a Minera e in particolare a Ffrith, dove si trova un noto sito romano, sebbene siano assenti prove chiare, probabilmente come risultato di un’attività mineraria più recente.
“Non sappiamo ancora da dove provenga questo lingotto e probabilmente non sapremo mai dove andrà. Tuttavia, visti i punti di ritrovo di altri lingotti dalla Gran Bretagna di data simile, potrebbe essere stato destinato all’Europa continentale, forse anche a Roma stessa. L’oggetto potrebbe parlarci molto di questo importante periodo del nostro passato, un periodo che è ancora poco compreso in questa zona del paese. ”
Il consiglio sottolinea che l’iscrizione sembra menzionare Marco Trebellio Massimo, che era il governatore della provincia di Britannia sotto l’imperatore Nerone dal 63-69 d.C. Se vero, la scoperta di Rossett rappresenta l’unico esempio di un’iscrizione con il suo nome mai trovata nel Regno Unito e una delle pochissime dell’impero nel suo insieme. Trebellio fu in parte responsabile di portare stabilità in Britannia dopo la rivolta di Boudica nel 60/1 d.C., sebbene alla fine fu costretto a lasciare la provincia da ammutinati soldati romani insoddisfatti della mancanza di attività militare sotto il suo governatore.
È tra le prime iscrizioni datate che registrano il sequestro romano della ricchezza minerale britannica e testimonia il suo rapido sfruttamento a seguito della diffusione del potere romano in tutta l’isola. La produzione del lingotto presuppone la prospezione di metalli, l’espropriazione di siti minerari e la mobilitazione del lavoro, forzato o volontario, per estrarre e trattare minerali ricchi di metalli. L’iscrizione illustra anche il controllo burocratico esercitato sulla produzione di metalli preziosi.
PAS Cymru e Wrexham Museum hanno elogiato sia il cercatore che il proprietario terriero per aver portato immediatamente la scoperta alla loro attenzione, ciò ha permesso agli archeologi di registrare correttamente il punto di ritrovamento in modo da ottenere le massime informazioni sull’oggetto.
Il consigliere Hugh Jones, Lead Member for People del Consiglio di Wrexham ha commentato “Sono lieto di poter annunciare che il museo ha acquistato il lingotto e vorrei ringraziare l’Arts Council England / V & A Purchase Grant Fund, il Headley Trust e gli Amici dei Musei di Wrexham per il loro supporto nell’acquisizione che altrimenti non sarebbe stata possibile. La sua acquisizione consentirà di visualizzare il lingotto nella città più vicina al luogo in cui è stato perso e riscoperto. ”
Il museo, insieme all’Università di Chester, spera di intraprendere lavori archeologici sul sito della scoperta, non appena la pandemia lo consente, per vedere se è possibile raccogliere ulteriori informazioni sulle circostanze della sua perdita.
Il Portable Antiquities Scheme in Galles (PAS Cymru) è finanziato da Amgueddfa Cymru, MAALD e Cadw e incoraggia la segnalazione di oggetti archeologici trovati dai metal detector e da altri membri del pubblico. Migliaia di oggetti vengono scoperti dai membri del pubblico in Galles ogni anno, tra cui 20-30 articoli dichiarati “Tesoro” dai coroner attraverso il Treasure Act 1996. PAS Cymru rende reperti accessibili al pubblico tramite il database di ricerca online PAS contenente informazioni su oltre un milione e mezzo di oggetti.

Fonte: www.wrexham.com, 19 giu 2020

Print Friendly, PDF & Email
Partners