ERCOLANO (Na): Restaurata l’epigrafe di Apollinare.

Pubblicato il : 31 Maggio 2006

«Apollinaris, medicus imperatori Titi, hic cacavit bene» ovvero «Apollinare, medico personale dell’imperatore Tito, qua defecò gradevolmente».

Torna di nuovo leggibile, dopo più di mezzo secolo e proprio quando si pensava fosse irrimediabilmente perduto, il graffito che quell’ospite tanto importante scrisse sulla parete della latrina nella Casa della Gemma, a Ercolano.

Un dato scientifico importantissimo perché perfettamente datato, visto che Tito divenne imperatore alla morte del padre, Vespasiano, due mesi prima dell’eruzione vesuviana del 79 d. C.. Ragion per cui l’epigrafe, se da un lato deve obbligatoriamente essere stata segnata tra il 24 giugno e il 24 di agosto di quell’anno, d’altra parte conferma il livello elevato dei frequentatori della casa.

Il ritrovamento è avvenuto nel corso dei lavori di consolidamento e recupero della città antica da parte del gruppo di scienziati che da due anni lavora nell’ambito dell’Herculaneum Conservation Project, il programma condotto in stretta collaborazione tra la Soprintendenza Archeologica di Pompei, il Packard Humanities Institute e la British School at Rome. La casa della Gemma, una delle dimore più belle e importanti di Ercolano antica, con pareti affrescate, mosaici a più colori sul pavimento, una bella figura di Bacco con la mano sinistra alzata e il tirso, bastone simile a uno scettro sormontato da foglie d’edera intrecciate.

L’edificio, che confina con la Casa del Rilievo di Telefo, è interessato anche da un progetto di copertura sperimentale che dovrà essere esteso a tutto il sito. Attualmente a Ercolano, sotto la supervisione di Maria Paola Guidobaldi, archeologa della Soprintendenza Archeologica di Pompei e direttrice del sito archeologico, sono impegnati il PHI e l’équipe della British School at Rome.

Si sono fatti interventi su quasi 5000 metri quadrati di parco archeologico, riaprendone circa 1000. Un’area altrettanto vasta sarà fruibile tra giugno e settembre.


Fonte: Il Mattino 27/05/2006
Autore: Carlo Avvisati
Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners