Aniello LANGELLA. Pompei 1913. Gli ultimi scavi di Pompei.

Pubblicato il : 10 ottobre 2017
icona-spinazzola2

Narrava l’anonimo in quella tremenda e meravigliosa vita di Cola di Rienzo da cui balza e superbamente una delle più fascinatrici figure del nostro tempo passato, che il figliuolo del tavernai o a cui non bastarono la spada e la porpora dei cavalieri, soleva passare le sue notti insonni scavando lapidi sulle pendici dei colli santi, e le sue mani tremavano nell’opra lunga e paziente. Invocava egli ad alta voce il nome di Roma immortale, e la gente teneva la sua esaltazione per follia, e lo derideva come se fosse ebro, e sghignazzando lo seguiva attraverso i tortuosi meandri del Palatino e del Foro, tra i ruderi coperti di erbe selvagge, sotto gli archi pieni di mistero e di paura.

Leggi tutto, vai a >>>>>

Galleria delle immagini, vai a >>>>>

Fonte: www.vesuvioweb.com, ottobre 2017

Print Friendly
Partners