Pierre CAMBON (a cura di), Afghanistan: I tesori ritrovati. Le collezioni del Museo Nazionale di Kabul.

Pubblicato il : 26 Luglio 2007

Promossa dal Musée national des Arts asiatiques – Guimet di Parigi, la mostra allestita Torino rappresenta in assoluto la prima possibilità di osservare le collezioni del Museo nazionale di Kabul al di fuori della sua storica sede.
Si tratta di oltre duecento capolavori del patrimonio archeologico afgano, dei pezzi più importanti conservati in questo museo, miracolosamente sopravvissuti alla guerra e ai saccheggi e ora restaurati con cura.
Tra questi capolavori vi sono le coppe in oro e in argento provenienti dal Tesoro di Fullol, gli oggetti greco-battriani della colonia greca di Ai Khanum, i vasi romani e le placche indiane dell’antica capitale caucasica a Begram, i favolosi gioielli della necropoli nomade di Tillia Pepe.
Il catalogo è una raccolta degli studi più recenti sugli scavi in Afghanistan, condotti in gran parte dalla Delegazione archeologica francese (Dafa), a partire dal 1922 (fino al 1982 e poi di nuovo attiva dal 2003), nella regione di Balkh.
Dopo la distruzione dei Budda della valle di Bamiyan, questa mostra costituisce la prima immagine culturale forte e positiva dell’Afghanistan a livello internazionale, oltre a riconoscere il suo ruolo di collegamento tra Asia ed Europa, tra il Mediterraneo e l’India e la Cina, sulle tracce di Alessandro il Grande.

Info:
Edizioni Allemandi, prezzo: € 40,00
Misure: 24 x 29,5 cm, Pagine: 280
Illustrazioni: 228 col., 470 b/n
Isbn: 978-88-422-1526-x


Cronologia: Arch. Orientale
Link: http://www.allemandi.it

Print Friendly, PDF & Email
Partners