LUCCA. S. Concordio, si cercherà l’antico porto fluviale.

Pubblicato il : 2 Gennaio 2009

Gli scavi archeologici a S. Concordio per riportare alla luce l’antico porto fluviale si faranno. Esulta quindi il comitato di S. Concordio contro “lo steccone”, la nuova costruzione ad uso uffici e negozi che dovrebbe sorgere nell’area Gesam in via Consani.
«La soprintendenza archeologica di Firenze – affermano – cui il laboratorio di urbanistica partecipata di S. Concordio si era rivolto l’estate scorsa affinché fosse valutata l’opportunità di vincolare il sito dell’antico porto fluviale di Lucca, ha infatti comunicato ai rappresentanti del comitato che verrà condotta una campagna di scavi archeologici, sotto la sua direzione scientifica, al fine di ricercare le strutture interrate dell’antico porto».
«Grande la soddisfazione tra le file del laboratorio di urbanistica partecipata – prosegue la nota – tanto più che questo importante risultato è stato raggiunto con la sola iniziativa e determinazione dei cittadini.
Gli scavi inizieranno presumibilmente con il ritorno della bella stagione. La speranza è che riportare alla luce i resti di questo dimenticato monumento cittadino, di cui è possibile vedere storia e iconografia sul sito www.sanconcordio.it, sia il presupposto di una diversa e più ragionevole risistemazione dell’area Gesam.

 


Fonte: Il Tirreno 20/12/2008
Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners