Giuseppe MAGGI. L’archeologia magica di Maiuri.

Pubblicato il : 13 Agosto 2010
Viene narrata l’avventura culturale e umana del grande archeologo Amedeo Maiuri, che si realizza attraverso la sua “magica” archeologia, evocatrice di persone, psicologie, ambienti fascinosi.
Il rifugio nell’archeologia di Maiuri avviene come in una sorta di transfert: appagamento di cocenti sofferenze nella prima infanzia per il sofferto rapporto con la madre e forza nella straordinaria storia d’amore, mai narrata prima, per Valentina Maffei.
Al suo primo apparire questo saggio ebbe lusinghiere recensioni – tra le quali spiccano quelle di Prisco, Pomilio, Pallottino, Romanelli, Necco, Paliotti, Fratta -, risultando finalista al Viareggio e ottenendo il Premio nazionale “Adone Zoli”.

Giuseppe Maggi – archeologo, scrittore.
Ha fatto importanti scoperte a Ercolano e Oplonti, in aree distrutte dal Vesuvio nel 79 d.C.

Ha scritto diversi libri e articoli.
Per le scoperte a Ercolano ha avuto il sostegno scientifico e finanziario della “National Geographic Society” di Washington.
Ha guidato mostre di Pompei negli U.S.A., nei paesi scandinavi e ha partecipato ad altre mostre in Canada, a Parigi, a Berlino.
Ama i giovani, la musica, i buoni libri, il cinema, il buon vino.

Info:
G.Maggi, L’archeologia magica di Maiuri, pp. 224 con molte illustrazioni, edito da Bibliopolis, nel 2008. ISBN 978-88-7088-565-1 € 25

Print Friendly, PDF & Email
Partners