CAMAIORE (Lu). Cambia il progetto per piazza Diaz.

Pubblicato il : 19 Gennaio 2009

Sembra quasi certo che il progetto iniziale previsto per piazza Diaz sarà modificato. A chiederlo ufficialmente, alla fine del mese, dovrebbero essere le due Sovrintendenze che seguono gli scavi (quella ai beni archeologico e quella ai beni artistici). Ma se è vero che i reperti rinvenuti (e non tanto gli oltre 50 scheletri quanto i resti di un antico altare precedente addirittura all’anno Mille) hanno un qualche valore storico, architettonico ed archeologico, non si può certo pensare che tutto sia ricoperto e dimenticato.
Per ora sono passate due delle sei settimane chieste e ottenute per lo stop ai lavori di restyling della piazza.
A fine mese le Sovrintendenze faranno un punto, assieme al Comune, per stabilire il da farsi.
«Le ipotesi sono due – spiega l’assessore ai lavori pubblici Mauro Santini – o nel punto dove doveva sorgere la fontana realizzeremo una pavimentazione in vetro per lasciare visibili i reperti. Oppure tireremo tutto fuori per esporlo, in quella stessa zona, ma all’altezza del piano stradale».
L’ipotesi di realizzare una passerella pedonale in vetro pare però difficilmente realizzabile. A pochi centimetri dai reperti archeologici infatti c’è una falda acquifera (ancora oggi gli archeologi, nonostante la copertura dell’area, lavorano nel fango). Una falda che sicuramente non agevolerebbe la conservazione dell’altare e delle altre scoperte.
«C’è da pensare inoltre – aggiunge Santini – che si creerebbe un effetto condensa che difficilmente riusciremmo ad evitare. E che renderebbe difficile vedere i reperti attraverso il vetro».
L’unica soluzione (ma di difficile realizzazione) potrebbe essere quella di isolare termicamente tutta la zona degli scavi. E poi coprire con vetrate. L’alternativa è quella invece di recuperare da sottoterra tutti i reperti. Portarli altrove e restaurarli. Poi riposizionarli al centro della piazza (ossia nella loro originaria posizione) ma non mezzo metro sotto terra, ma a livello del piano stradale.
«Transennare la zona con delle catenelle – ipotizza Santini – e installare cartelloni per riportare le informazioni».
Per ora, comunque, si continua a scavare. E, dall’altra parte, a completare il recupero di palazzo Tori. Tra quattro settimane probabilmente sarà definitivamente deciso quale conformazione prenderà piazza Diaz.

 


Fonte: Il Tirreno Lucca, 08/01/2009

Print Friendly, PDF & Email
Partners