REGGIO EMILIA. Un meraviglioso tappeto di pietra della tarda antichità decorato con simboli pagani.

Pubblicato il : 22 Gennaio 2009

Tra Bologna e Piacenza non c’è forse mosaico di IV secolo d.C. più importante di quello scoperto nella Cattedrale di Reggio Emilia, uno dei più interessanti di tutta l’Italia settentrionale, per dimensione, raffinatezza e tecnica di realizzazione”.
Ha pochi dubbi Luigi Malnati, Soprintendente per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna,  nel valutare l’esteso pavimento a mosaico di età tardoantica rinvenuto nella cripta, un autentico tappeto di pietra pertinente ad un edificio forse civile, domus di un patrizio o di un magnate. La stanza doveva essere di notevoli dimensioni: le indagini archeologiche ne definiscono il solo limite orientale (quello verso Piazza San Prospero) ma è plausibile che avesse una superficie di almeno 70 mq., se non superiore.
Dello scavo, tuttora in corso, si è parlato martedì 13 gennaio 2009 durante un incontro presenziato, oltre che da Luigi Malnati, da Carla Di Francesco, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna, Renata Curina, archeologa della Soprintendenza, Mons. Francesco Marmiroli, Vicario Episcopale per la Cattedrale di Reggio Emilia, Mauro Severi, Direttore dei lavori di restauro della Cattedrale di Reggio Emilia e Giancarlo Bellentani, Vice Presidente del Comitato per il Restauro della Cattedrale.
Il mosaico è stato trovato a due metri e mezzo di profondità dall’attuale piano di calpestio della cripta e la parte rinvenuta si estende complessivamente per circa 13 mq. È realizzato con piccole tessere in vari tipi di pietre e paste vitree e, in alcuni punti, con tessere in lamina d’oro. Del grande pavimento originario rimangono parte della cornice, costituita da una treccia a più colori, ed alcune parti del tappeto musivo, caratterizzato da una complessa decorazione policroma, di notevole qualità, che alterna elementi geometrici e figurati. Ampi cerchi e semicerchi, incorniciati da un torciglione policromo, contengono pernici, colombe, pavoni, gazze, piccole figure di danzatori e tre scene complesse.
La prima raffigura il busto di un uomo nudo sorretto da una figura di cui si conservano solo le braccia, un’immagine che al momento della scoperta aveva fatto pensare a Noè ebbro sostenuto dai figli, ma che parrebbe più collegarsi ad un ciclo mitologico.
Una seconda porzione di mosaico rinvenuta nel prosieguo degli scavi ha apportato ulteriori indicazioni. Il riquadro riportato alla luce contiene due figure nude riccamente ingioiellate: l’uomo, con un mantello appoggiato sulle spalle e annodato sul petto e  calzari chiodati, regge nella mano destra due anatre vive e nella sinistra un ramo con lunghe foglie; la donna, che indossa un velo bianco e piccole scarpe rosse, sorregge con la mano destra un grosso pesce ancora attaccato alla lenza, con la sinistra solleva delicatamente il velo.
Il terzo riquadro, rinvenuto lo scorso dicembre, ha una raffigurazione per molti versi particolare: ritrae una figura maschile nuda con il capo cinto da una corona d’edera; la mano destra solleva un fiore di loto mentre la sinistra regge il lituo, un bastone ricurvo, simile a quello pastorale, che nell’antica Roma era usato dagli Auguri sia come strumento di culto che come simbolo dell’appartenenza al gruppo sacerdotale. La prosecuzione degli scavi permetterà di svelare altri particolari probabilmente presenti all’interno del riquadro.
Le scene raffigurate nel tappeto musivo sono di difficile interpretazione ed è in corso di redazione il montaggio delle diverse porzioni del manufatto, operazione che, oltre a consentirne una migliore lettura, potrebbe aiutare a capire l’uso e la funzione della stanza. Accantonata l’ipotesi di un edificio religioso, acquista terreno quella di un’aula privata in cui potrebbero essere state raffigurate scene riferibili a culti orientali.
Entro poche settimane terminerà il distacco del mosaico, operazione necessaria a preservarne l’integrità e consentirne la futura fruizione al pubblico.

Il complesso progetto di recupero avviato nel 2002 dal Comitato per il Restauro della Cattedrale di Santa Maria Assunta di Reggio Emilia ha consentito lo scorso novembre la riapertura ai fedeli di questo storico luogo di culto. I lavori di restauro hanno coinvolto direttamente il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, attraverso l’intervento di ben tre Soprintendenze di settore (Beni Archeologici, Beni Architettonici, Beni Artistici/Storici) che hanno operato in stretta collaborazione con la Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla e l’Ufficio Diocesano Beni Culturali, con il coordinamento della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna.
I lavori hanno fornito -e sono tuttora- una straordinaria opportunità d’indagine su una delle più antiche ed importanti chiese della città. Stanno inoltre aprendo una finestra sulla storia della città di Reggio Emilia prima della Cattedrale, fornendo nuovi importanti spunti di conoscenza di questo settore, centro della città fin dalla sua fondazione.
Le indagini archeologiche si sono svolte sotto la Direzione Scientifica di Renata Curina, archeologa della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, e sono state eseguite dalla Società Cooperativa ARS/Archeosistemi di Reggio Emilia e dalla Società ARAN Progetti di Genova. In un primo tempo gli scavi si sono svolti all’interno della cattedrale e, in particolare, nella navata centrale e nelle due laterali; dal 2007 le indagini hanno riguardato il sagrato e la cripta.
Nelle tre navate e sul sagrato le indagini hanno riportato in luce strutture, pavimentazioni e sepolture riferibili alle fasi di età altomedievale, medievale e rinascimentale della cattedrale, mettendo in risalto la particolare complessità costruttiva dell’edificio. In alcuni punti, le indagini si sono spinte fino ad una profondità di 4 metri circa, consentendo di riconoscere gli strati di crescita della città, dall’età romana all’alto medioevo.
Nel corso del 2007 sono iniziati gli scavi all’interno della cripta. I lavori -in corso di ultimazione- hanno interessato il transetto, l’abside centrale e la Cappella dei Caduti.

Le indagini archeologiche hanno rimesso in luce le stratificazioni ancora conservate sotto la pavimentazione realizzata durante la ristrutturazione della cripta (1923), portando in evidenza strutture e pavimentazioni collegate sia alle varie fasi costruttive della cattedrale che a monumenti di epoca precedente.

Di particolare interesse, i resti di un edificio absidato con pavimentazione in cocciopesto e quelli di un’abitazione quasi certamente di età longobarda.


Fonte: MiBAC – Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Sopr. Archeol. Emilia Romagna
Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners