Gilles SAURON. La pittura allegorica a POMPEI.

Pubblicato il : 29 gennaio 2009

La pittura allegorica compare nelle decorazioni interne delle case romane alla fine degli anni 80 del I secolo a.C.
Scompare una quarantina d’anni più tardi con la generazione che ne aveva creato la moda, durante gli sconvolgimenti politici seguiti all’assassinio di Cesare alle Idi di marzo del 44 a.C.
Le sontuose composizioni, che rappresentano architetture in parte immaginarie e prive di qualsiasi presenza umana, sono state devotamente preservate dai successivi proprietari delle dimore, a causa probabilmente della condizione sociale di coloro che le avevano commissionate, fino a che l’eruzione del Vesuvio le ha a sua volta conservate permettendoci di ammirarle.
Si indaga questa moda decorativa, dalla sua probabile nascita sul Palatino, nella casa di uno dei capi della fazione conservatrice dell’aristocrazia senatoria, fino alla sua fase conclusiva nelle ville della ricca zona residenziale del golfo di Napoli.
Il significato di queste pitture è analizzato in dettaglio, con un tentativo di ritrovare lo sguardo dei proprietari che le fecero eseguire. Si tratta di ricostruire in tutti i suoi aspetti sia la memoria di questi personaggi che le loro abitudini di percezione visiva.
Tra il gruppo di giovani aristocratici decisi a resistere alle azioni dei populares e coloro che erano andati a cercare presso i filosofi di Atene le ragioni per credere nel loro destino, spicca la grande figura di Cicerone, che possedeva una residenza nel territorio di Pompei. È una delle ambizioni di quest’opera provare a far rivivere qualcosa di quello che fu lo sguardo di Cicerone.
 
Info:
Tradotto da: Marianna Castracane 
Edizioni Jacabook, Milano, 2007, pp. 224
Prezzo: Euro 80,00 
ISBN (a 13 cifre): 978-88-16-60386-8 


Mail: serviziolettori@jacabook.it
Cronologia: Arch. Romana
Link: http://www.jacabook.it

Print Friendly, PDF & Email
Partners