TUSCANIA (Vt). Apertura di nuove sale al Museo Nazionale Archeologico.

Pubblicato il : 2 Marzo 2007

Il 2 marzo 2007 saranno aperte al pubblico cinque nuove sale al piano superiore del Museo Nazionale Archeologico di Tuscania, che ha sede nel monumentale Convento di S. Maria del Riposo. Il completamento dell’esposizione del Museo costituisce una tappa fondamentale nell’ambito del processo di valorizzazione del territorio dell’Etruria Meridionale, concorrendo a qualificare ulteriormente l’offerta culturale che vede negli Etruschi uno dei grandi attrattori turistici del Lazio.

I nuovi spazi, dedicati a complessi funerari provenienti delle vaste necropoli dell’antico centro etrusco, accolgono materiali distribuiti in un arco cronologico che dall’età arcaica (VI sec. a. C.) giunge fino all’ellenismo (IV-II sec. a.C.) e offrono adeguata testimonianza delle diversificate esperienze maturate nell’ambito dell’architettura funeraria, come dimostrano in particolare le monumentali soluzioni della necropoli di Pian di Mola e quelle correlate ai sistemi decorativi fittili provenienti da Ara del Tufo. Con un allestimento temporaneo vengono presentate anche le recentissime scoperte del sepolcreto di Guadocinto che offrono vere e proprie novità, sottolineando ancora una volta il fondamentale apporto che gli scultori della scuola vulcente diedero allo sviluppo dell’architettura funeraria. Si delinea dunque un panorama culturale che, sviluppando le felici premesse già percepibili in età orientalizzante, assevera Tuscania, un tempo ritenuta un insediamento minore dell’Etruria interna, fra i centri di prima grandezza.

Ulteriormente si puntualizza la qualità dei complessi funerari ellenistici, appartenuti a famiglie di rango gentilizio, nell’ambito dei quali si segnalano le testimonianze provenienti dalla tomba dei Treptie che, rinvenuta nella necropoli di Pian di Mola, esibisce una straordinaria sequenza di sarcofagi in terracotta: riferibili a successive generazioni di inumati deposti nel sepolcro, questi sarcofagi documentano la parabola di una delle più caratteristiche produzioni del nostro centro.

L’apertura delle nuove sale del Museo costituirà l’evento conclusivo di una giornata tutta dedicata alle più recenti acquisizioni archeologiche del territorio grazie al convegno “Archeologia nella Tuscia” organizzato dall’Università degli Studi della Tuscia e dalla Soprintendenza e nel cui programma figurano interventi che mettono a disposizione degli studiosi i risultati più significativi delle ricerche e scoperte effettuate negli ultimi tempi, dalla Tomba dei Leoni Ruggenti di Veio alla Grotta Antica sul Monte Soratte, dallo straordinario santuario rupestre in Comune di Vetralla alle ultime acquisizioni sull’insediamento di Ferento, la cui importanza risulta confermata in un arco cronologico che dall’età arcaica giunge ad epoca alto medievale.


Fonte: MiBAC – Ministero per i Beni e le Attività Culturali 01/03/2007
Cronologia: Arch. Italica

Print Friendly, PDF & Email
Partners