SIRIA. Palmira, il tesoro dell’Unesco che stiamo perdendo.

Pubblicato il : 21 Giugno 2015
palmira tempio di baal

Le immagini della “Sposa del Deserto”, la città Patrimonio dell’Umanità e simbolo di un antico incrocio di culture che rischiamo di poter ammirare, d’ora in avanti, soltanto in foto.
Leggi anche la storia di Palmira e di Zanobia, la sua leggendaria regina.
L’immagine presentata rischia di rimanere soltanto un ricordo, una cartolina ingiallita. La città di Palmira, a 240 km da Damasco (Siria) è ormai sotto il controllo delle milizie dell’ISIS e le sorti degli uomini rimasti a difenderla, insieme a quelle dei suoi tesori archeologici, Patrimonio dell’Umanità, appaiono ormai tragicamente scontate. Nella città siriana, uno dei più importanti siti archeologici al mondo, si intrecciano millenni di arte e di storia, contaminazioni culturali assire, bizantine e greco romane che hanno reso il suo stile unico e inconfondibile, trasformando l’antica città in un popolare sito turistico.

Vedi:
http://www.focus.it/cultura/storia/palmira-il-tesoro-dellunesco-che-rischiamo-di-perdere?gimg=61793&gpath=#img61793

Print Friendly, PDF & Email
Partners