M.N. PINOT DE VILLECHENON, G. GUADALUPI, Roma Domus Aurea.

Pubblicato il : 27 Novembre 2006

Reggia sfarzosa di Nerone, la Domus Aurea fu costruita sul Colle Oppio e distrutta in pochi anni, per rimanere poi sepolta per secoli.

Ne rimasero  alcune stanze affrescate, sepolte sotto le terme di Tito che, riscoperte alla fine del ‘400, diedero origine alle grottesche, mostrando agli ammirati occhi degli studiosi e degli artisti, tra cui Raffaello e Giovanni da Udine, un universo pittorico ancora sconosciuto, rappresentativo del gusto decorativo romano nel momento di transizione dal periodo giulio-claudio all’età flavia.

Copiati e integrati fantasiosamente, quegli antichi affreschi rinacquero nelle tavole incise e colorate di uno stupendo album settecentesco.

Completa il volume una vasta scelta di immagini che mostrano come la domus neroniana appare dopo la recente campagna di restauri.

Info:

FMR-ART’E’ Editore – Villanova di Castenaso, BO,

testo italiano/inglese, pp. 120, ed. rilegata con sovraccoperta a colori € 95.


Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners