BAIA – SI NUOTA TRA LE ROVINE

Pubblicato il : 16 Ottobre 2002

Con immersioni guidate e maxischermi alla scoperta delle antichità sommerse di una delle località archeologiche più importanti della regione flegrea.
Consorzio Baia Flegrea (via Monteruscello, 75 – 80078 Pozzuoli) – NA), con prenotazioni per immersioni e visite guidate ai seguenti numero: 0815248169 oppure 18688868, fax 0815249850, 0818549763.
Orari: martedì-venerdì 15,30-19,30; sabato 9,30-13,30 e 15,30-19,30; domenica 9,30-13,30 – tel. 0818545477, 15248169.
URL: www.baiasommersa.it; e-mail: info@baiasommersa.it

Lo specchio del mare antistante l’antica città di Baia, luogo preferito di villeggiatura della ricca società romana, contiene gran parte degli antichi edifici, sprofondati in seguito al fenomeno di bradisismo che ha inghiottito parte della costa: da Punta Epitaffio al promontorio del Castello, tutto il “Baianus Lacus” è costellato di monumenti, mosaici pavimentali, muri e frammenti architettonici delle terme e dei palazzi imperiali, un tempo frequentati dai più influenti personaggi della politica di Roma.
La visita alle strutture submarine di Baia è la novità offerta al pubblico dal Consorzio Baia Flegrea.
Tra le strutture sono particolarmente importanti quelle della Villa dei Pisoni, riconosciuta grazie ad una fistola acquaria che reca il nome del committente, Lucio Calpurnio Pisone, e quelle della Villa “a Protiro”, così detta per un piccolo portico antistante l’ingresso.
Quest’ultima, inserita in un tratto urbano di cui sono rimaste una strada, una serie di tabernae ed un complesso termale, è situata nella zona sud della baia, più esposta alle mareggiate che hanno in parte compromesso le strutture.
La Società, oltre alla sorveglianza, la manutenzione e la creazione di percorsi integrati, gestisce il turismo subacqueo, con la realizzazione di percorsi di vista che prevedono l’immesione da parte di piccoli gruppi accompagnati; per coloro che non si immergono è a disposizione una barca dotata di maxischermo che trasmette le immagini sottomarine inviate in diretta da una telecamera manovrata da un sub.
Fonte: Archeo settembre 2002
Autore: Giovanna Quatrocchi
Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners