Carlo FORIN, La cabbala e la kabbala.

Pubblicato il : 26 Marzo 2014

Il Nome di Dio è infatti chiamato sem ha-meforas: espressione niente affatto univoca, ma che anzi si rifrange in significati diversi e fra loro contrastanti. Da un lato, infatti, il participio passivo meforas può voler dire sia “comunicato”, sia “spiegato esplicitamente”, sia infine, semplicemente (cioè secondo le lettere), “pronunciato”; dall’altro, in questo contesto, può significare anche “separato” o addirittura “nascosto”: e per tutte queste accezioni si possono addurre esempi assolutamente calzanti, presi dall’uso linguistico delle fonti ebraiche e aramaiche dei primi secoli.

Leggi tutto, vai a >>>

Print Friendly, PDF & Email
Partners