Articoli presenti: 5543
Registrazione Tribunale di Torino n. 5936 del 17/01/2006 - Direttore responsabile: Silvia Riva - Editore: Mediares S.c. - ISSN 1828-0005
Home
Cerca con Google
Abbonati
Invia messaggio a club@archeomedia.net indicando "Abbonamento ArcheoMedia".
Informativa Privacy
Sostienici
carte
L'abbonamento ad ArcheoMedia è gratuito, ma per potervi dare un servizio sempre più completo, più tempestivo e migliore richiede maggiori costi e maggior impegno.

Aiutaci in questo senso facendo una "donazione a sostegno di ArcheoMedia "

 
Presentazione

ArcheoMedia è una rivista ad abbonamento gratuito, per le persone che si interessano di archeologia.
La redazione è composta da soci Mediares Sc, Società di Servizi per la Cultura, con il supporto di "collaboratori esterni".
ArcheoMedia è uno strumento di aggiornamento sulle novità archeologiche.

Ultimo Articolo
CLAUZETTO (Pn). I nuovi artiglio-gioielli dei Neanderthal.
La scoperta in Friuli di artigli d'aquila usati come ornamento costituisce l'ennesima prova della capacità di ragionamento simbolico dei nostri lontani cugini; si tratta del settimo ritrovamento del genere in Europa.
Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Ferrara, guidato da Marco Peresani e Matteo Romandini costituisce una prova ulteriore del fatto che i Neandertal fossero dotati di capacità di astrazione e di ragionamento simbolico.
I ricercatori hanno studiato l'utilizzo sistematico di artigli di aquila da parte dei Neandertal in Europa, l'ultimo dei quali, risalente a circa 44-48 mila anni fa (Paleolitico medio), rinvenuto nell'estate del 2013 all'interno della Grotta del Rio Secco, sull'altopiano del Pradis (in provincia di Pordenone). Secondo gli studiosi, questi artigli - sette quelli rinvenuti finora in Europa - venivano utilizzati a scopo simbolico.
I sei ritrovamenti precedenti erano avvenuti in Francia nelle Grotta di Pech de l'Aze, Gigny, Combe-Grenal e Les Fieux e, in Italia, nella Grotta di Fumane (Veneto).
"Gli artigli non avevano né scopi alimentari né economici", spiega Matteo Romandini, archeozoologo e tafonomo dell'Università di Ferrara, co-responsabile dello studio. "Analisi in corso stanno valutando la presenza di tracce che confermino che questi artigli veni usati a scopo di ornamento personale, come fossero gioielli".
"Questa scoperta rappresenta un'ulteriore conferma che i Neandertal non si limitassero al semplice...
 
Oneiros Viaggi lubec2014
Logo Jooble 240x200 libri-novita

concorso02

Gite Scolastiche in Piemonte

BANNER

Fotografia aerea

www.consigliatoaglisposi.com

M7 Gestionali Online

Banner
Banner