TORINO – LE MURA ROMANE DIFESE DA UN VALLO

Pubblicato il : 10 Luglio 2001

Lo scavo, a circa 3 metri di profondità, ha evidenziato una strada in ghiaia battuta che, in epoca imperiale, correva esternamente e parallela alle mura. Una pista larga oltre 2 metri, sulla quale transitavano i carri commerciali che dalla campagna entravano in città. La zona indagata si trova nei Giardini Reali, dietro la Galleria del Beaumont, nei pressi della Porta Pretoria (secondo alcuni Porta Decumana), oggi Palazzo Madama. Lo scavo ha permesso anche di verificare le attività dell’epoca, dal momento che su questo tracciato si formò, tra I e II secolo d.C. una sorta di discarica. Oggi questa antica “discarica” ha restituito ossa animali, cocci di suppellettili domestiche, frammenti di anfore, avanzi di fonderie provenienti da botteghe artigiane, resti di ceramica sigillata decorata a stampo e proveniente dalla Gallia meridionale. Il taglio di questo vallo avvenne probabilmente nel III secolo d.C., come difesa contro le prime incursioni barbariche (Alamanni, milizie di passaggio). Con il cessare della paura, nell’alto Medioevo venne ricomposta una nuova strada che accolse ai margini alcune sepolture nella nuda terra. Alla fine del Cinquecento, però, nuovi cantieri crearono ulteriori fortificazioni, ossia una cortina muraria che andava da Palazzo Madama al Bastion Verde, rafforzata da contrafforti. Al termine dei sondaggi il tutto sarà però ricoperto per permettere la costruzione di nuovi contenitori nei quali custodire i tesori della Biblioteca Reale, causa e scopo dell’inizio dello scavo.
Fonte: La Stampa
Autore: Maurizio Lupo
Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners