SURVEY ARCHEOLOGICO. Come ti rivoluziono il survey archeologico intensivo: immagini da drone ad alta risoluzione e machine learning su Google Cloud.

Pubblicato il : 24 Marzo 2020

Due studiosi spagnoli hanno sperimentato con risultati molto promettenti la possibilità di poter individuare in modo automatico la dispersione sul terreno di frammenti fittili archeologici, il rinvenimento più comune nelle operazioni di prospezione archeologica intensiva, utilizzando immagini ad alta risoluzione da drone, fotogrammetria e una combinazione di apprendimento automatico (machine learning, branca dell’Intelligenza Artificiale) e analisi geospaziale eseguite nella piattaforma di open cloud computing geospaziale di Google Earth Engine.
Si tratta di H.A. Orengo, ricercatore dell’Istituto Catalano di Archeologia Classica, e A. Garcia-Molsosa, Curie Fellow all’Università di Cambridge,e il loro studio innovativo compare sul Journal of Archaeological Science 112 di dicembre 2019.

Leggi tutto, vai a >>>>>>>>

Fonte: www.archeomatica.it, 20 mar 2020

Print Friendly, PDF & Email
Partners