ORBETELLO (Gr). Museo Nazionale ed Area Archeologica di Cosa. Nuova allestimento museale.

Pubblicato il : 13 Maggio 2015

“Una statua, un culto, una dea: la casa di Diana riapre i battenti”
La casa di Diana è un’abitazione privata romana che si affaccia sul Foro di Cosa, scavata dall’Accademia Americana di Roma negli anni 1991-1997. Il rinvenimento di una statua di culto, raffigurante Diana, ha dato il nome alla domus costruita nel II sec. a.C. e restaurata abbondantemente in età augustea.
L’iniziativa, nell’ambito di Amico Museo 2015, intende presentare al pubblico la statua di Diana mai esposta prima d’ora, proveniente dal tempietto costruito in età neroniana nel giardino della casa. La statua sarà ricollocata nel Museo con una ambientazione creata attraverso un trompe-l’oeil in scala reale realizzato da G. Venturini.
Nella stessa occasione verranno riscoperti i mosaici della casa e sarà effettuata una presentazione della statua e del tempietto e una visita guidata a cura della Soprintendenza Archeologia della Toscana (dott.ssa M.A. Turchetti, direttore del Museo) e dell’Accademia Americana di Roma (dott.ssa E. Fentress, direttore degli scavi della domus). Una particolare attenzione verrà dedicata a ricordare la dott.ssa Giuliana Agricoli, dell’Ufficio distaccato della Soprintendenza a Grosseto, che ha seguito e documentato gli ultimi lavori di restauro e manutenzione dell’abitazione.

Info:
Museo Nazionale e Area Archeologica di Cosa, Via delle Ginestre snc
Tel. 0564 881421

Print Friendly, PDF & Email
Partners