EGITTO: lifting per la Sfinge.

Pubblicato il : 9 Aprile 2006

E’ iniziato il restauro della Sfinge egizia. A Giza archeologi e restauratori hanno montato le impalcature di fronte all’enigmatica statua di pietra che protegge le piramidi di Cheope, Chefren e Micerino.

Il misterioso leone accucciato ha bisogno di un intervento che ponga rimedio all’erosione causata dal vento del deserto. In particolare, si sta intervenendo sulla base della statua: la parte del petto e del collo presentano segni di erosione che hanno spinto le autorità all’intervento, fatto in diretta mentre migliaia di turisti continuano ad affollare l’area archeologica più famosa del mondo. 

La Sfinge lunga 20 metri e alta 57, fu probabilmente costruita nel III millennio A.C. per volontà del faraone Chefren, di cui dovrebbe rappresentare il volto, mentre per alcuni è invece molto più antica (10mila anni) e riveste un significato esoterico mai svelato.

Nell’antico Egitto era divenuta comunque il simbolo della regalità. Poi in epoca araba venne considerata un mostro da temere, e infine nel 1800 fu addirittura presa a cannonate dai Mammalucchi che, a colpi di artiglieria, distrussero il naso della statua. Ma ha resistito alle ingiurie del tempo, perché dice un proverbio arabo ”l’uomo teme il tempo, ma il tempo teme le piramidi”.   


Fonte: www.osiriderivelato.it IGN.com, 07/04/2006
Cronologia: Egittologia

Print Friendly, PDF & Email
Partners