CREMONA: I Mosaici di via Cadolini.

Pubblicato il : 28 Luglio 2003

Anche se la notizia risale al mese di giugno 2002, la stampa nazionale non ha dato importanza a quanto segue.

Durante le operazioni di scavo per il sistema di teleriscaldamento presso Via Cadolini, sono emersi pavimenti di età romana. L’eccezionale importanza archeologica per la città, porta in primo piano la necessità di valorizzare al meglio quello che il “cremonese” può offrire.

La qualità estetica dei pavimenti (mosaici “a scaglie”, policromo) è da considerarsi buona, valutando la situazione ambientale. Presente, inoltre, un frammento in lastre rettangolari di marmo bianco. Il pavimento di marmo bianco non era mai stato ritrovato a Cremona e diventa perciò di rilevanza primaria per la città; sempre di “pregio” estremo il ritrovamento, durante il medesimo “fortunato” scavo, di intonaci che conservano le tracce della tecnica edilizia in argilla cruda. L’epoca di realizzazione dovrebbe aggirarsi fra la seconda metà del IV secolo e il V sec. d.C.. Le unità ritrovate sono state depositate presso il Museo civico della città.

Questo ritrovamento dovrebbe offrire a Cremona un nuovo passaporto per accedere alla “lista” delle città archeologiche più interessanti d’Italia; purtroppo l’assenza d’investimenti e la non-volontà di costruire (scavando) una città archeologicamente viva, occulta agli occhi degli appassionati e turisti le meraviglie ed il glorioso passato di un agglomerato urbano che ha vissuto momenti storici rilevanti.
Fonte: Redazione
Autore: Edmondo Bianchi
Cronologia: Arch. Romana

Print Friendly, PDF & Email
Partners