TORINO. Intervista al Direttore del Museo Egizio.

Pubblicato il : 30 Settembre 2017

“Dobbiamo stare però tutti un po’ attenti e considerare che un museo è molto di più che il numero dei biglietti staccati e riporre la ricerca al centro. Io sento sempre parlare di tutela e di valorizzazione, ma non sento mai la parola ricerca. Un museo o un sito archeologico che non fa ricerca, che non abbia nuovi contenuti da proporre si esaurisce e muore”. (C. Greco)
Non ci sono parole migliori per riassumere il pensiero e soprattutto l’operato di Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino, e del suo staff.
Il nostro direttore l’ha incontrato nel suo ufficio poco dopo l’inaugurazione della mostra “Missione Egitto, 1903-1920. L’avventura M.A.I. raccontata”, a due anni dalla riapertura del nuovo Museo Egizio e a tre anni dalla sua nomina a direttore da parte della Fondazione Antichità Egizie.
Ne è nata un’intervista che fa il punto della situazione riguardo i progetti scientifici e le attività di ricerca del Museo Egizio, ma che non ha evitato argomenti più scottanti come la polemica “Torino-Catania”, né di evidenziare ciò che nel museo deve essere migliorato.

Leggi tutto nell’allegato: Intervista Christian Greco

Autore: Paolo Bondielli

Fonte: hppts://mediterraneoantico.it, 29 mag 2017

Print Friendly, PDF & Email
Partners