TARANTO. L’anfiteatro romano relegato in un angolo anonimo.

Pubblicato il : 10 Novembre 2016

L’anfiteatro romano di Lecce si presenta come il cuore pulsante della città. Ospita concerti e rassegne musicali di grande spessore come il Locomotive Jazz Festival. Diventa un luogo di ritrovo non solo per i salentini ma anche per i tanti turisti che vengono in Puglia per le vacanze che si lasciano incantare da un luogo così antico, perfettamente integrato con le esigenze dell’epoca moderna. Eppure, anche Taranto ha un tesoro nascosto, simile a quello leccese, che giace sotto i palazzi ed un parcheggio pubblico, in via Anfiteatro.
E’ una storia emblematica quella dell’anfiteatro romano. Ci parla di una Taranto che ha preferito occultare il proprio patrimonio storico ed archeologico anziché valorizzarlo, troppo ripiegata su se stessa per seguire il buon esempio fornito anche da realtà vicine come Lecce. Lì, in piazza Sant’Oronzo, il monumento venne scoperto durante i lavori di costruzione del palazzo della Banca d’Italia, effettuati nei primi anni del Novecento. Le operazioni di scavo iniziarono quasi subito, grazie alla volontà dell’archeologo salentino Cosimo De Giorgi, e si protrassero sino al 1940. Attualmente è possibile ammirare solo un terzo dell’intera struttura, in quanto il resto rimane ancora nascosto nel sottosuolo della piazza dove si ergono alcuni edifici e la chiesa di Santa Maria della Grazia.
Qui le cose sono andate diversamente. Non è possibile ammirare nulla di quanto ereditato dal passato, anche se basta guardare le foto scattate in via Anfiteatro nei primi anni Sessanta, durante il rinvenimento di alcune parti della struttura, per avvertire un brivido lungo la schiena.
ricostruzione-teatro-300x161«Come ogni città romana, anche Taranto ha avuto un anfiteatro come centro di aggregazione – racconta l’archeologo Alessandro Viesti nella pagina Facebook del Museo Nazionale Archeologico – nonostante, al momento, siano scarse le tracce visibili di questa struttura, sin dalla fine dell’Ottocento numerosi sono stati i rinvenimenti archeologici che attestano la presenza dell’edificio adibito agli spettacoli nella città di Tarentum. In primis, il toponimo “via Anfiteatro” è di sicuro l’indizio che maggiormente ci induce a ricercare in quell’area la struttura».
Le prime notizie di muri inerenti l’anfiteatro tarantino si devono a Luigi Viola, primo vero archeologo della città che nel 1881 rinvenne una serie di muri in opera reticolata con andamento ellittico, per la precisione “17 muraglie”.
«Tralasciando le misure di cui ci parla l’archeologo, si può ipotizzare lo spazio complessivo occupato dalla struttura – spiega Viesti – l’asse minore dell’arena è di 49,35 metri, quindi la lunghezza complessiva dell’asse del monumento è di scarsi 100 metri. I rinvenimenti si sono poi susseguiti nel tempo, in particolare negli anni a cavallo tra il 1961 e il 1963. In questo periodo furono messi in luce ulteriori lacerti murari in opera reticolata che confermano la presenza della struttura».
scavi-scorpione-417x420L’ultimo rinvenimento risale al 2005 quando è stato possibile esplorare la parte più bassa (la cosiddetta ‘ima cavea’) dell’anfiteatro, “verosimilmente ancora in opera fino alla chiave di volta della copertura per un’altezza di circa 7 metri”. Queste informazioni fanno supporre che la struttura fosse imponente e molto frequentata.
«La tecnica muraria rimanda ad un periodo che va tra l’età augustea e i primi decenni del I sec. d.C., ricordando per similitudine gli anfiteatri pugliesi di Lucera e Lecce in particolare – continua Viesti – queste poche notizie vogliono essere uno sprone a conoscere Taranto, rivolto a chi Taranto non la immagina così. È bello immaginare una Taranto diversa, senza i fumi dell’Ilva e dell’Eni che ammorbano l’aria, con le aree di interesse archeologico in mostra che la farebbero diventare il fiore all’occhiello del Meridione. Sarebbe un bel sogno che si avvera».
scavo-anfiteatro-tarantoUn auspicio che avremmo sottoscritto volentieri, ma la storia (soprattutto quella recente) ci racconta un altro epilogo. Dopo essere stato occultato per decenni da edifici ed un mercato coperto, oggi l’anfiteatro romano deve sottostare alle strisce blu di un parcheggio a pagamento voluto dall’Amministrazione comunale.
Eppure, i tentativi per riportarlo alla luce non sono mancati. Nell’aprile del 2005, furono due associazioni ambientaliste – Legambiente e Wwf – a fare fronte comune per proteggere l’anfiteatro romano parzialmente emerso durante i lavori per la realizzazione del Teatro dell’Innovazione (opera mai andata a buon fine). Da esse arrivò la richiesta di sospendere i lavori e di cercare fondi da destinare alla valorizzazione del reperto archeologico. Un appello accorato che aveva nell’allora Soprintendente Archeologico per la Puglia Giuseppe Andreassi e nell’ex sindaco Rossana Di Bello i principali destinatari.
resti-anfiteatro-300x268«Non chiediamo in modo pregiudiziale che i lavori si blocchino – affermarono Angelo Quibrino di Legambiente e Gaetano Barbato del Wwf – chiediamo che di fronte ad un fatto nuovo qual è quello dei ritrovamenti archeologici del vecchio anfiteatro, le istituzioni di questa città abbiano il coraggio di fermarsi giusto in tempo per capire, confrontarsi, far capire alla città di cosa si tratta, prospettare le varie soluzioni, scegliere la migliore, esplicitando a quali valori e priorità fa riferimento la scelta». E profeticamente aggiunsero: «La decisione che verrà presa riguardo all’anfiteatro sarà una scelta difficile quanto importante anche per il futuro stesso della città. Questa vicenda, pur nel suo piccolo, è metafora di ciò che sarà e vorrà essere Taranto nei prossimi anni».
Il fronte pro anfiteatro vide schierata anche la sezione di Taranto della Società di Storia Patria che non esitò a mandare una lettera all’allora ministro per i Beni e le Attività Culturali, Giuliano Urbani. Anche questo tentativo non sortì gli effetti sperati. Ma cosa ha impedito che la piena emersione dell’anfiteatro romano diventasse realtà come accaduto in altre città probabilmente meglio amministrate?
I pochi resti sopravvissuti all’occultamento sono relegati in un angolo del parcheggio, in un recinto affianco all’Ufficio Tributi del Comune, tra i rifiuti. Non c’è neanche un cartello per spiegare cosa rappresentano per Taranto e la sua storia.
E forse non ha tutti i torti Carmine De Gregorio, presidente di “Nobilissima Taranto” a definire questo spazio anomimo “un orinatoio”.

Fonte:
http://www.inchiostroverde.it

Print Friendly, PDF & Email
Partners