HAFEI (Cina). Dongzhi Man, un fossile umano, ultima scoperta.

Pubblicato il : 24 Novembre 2015

Gli archeologi cinesi hanno scoperto uno “straordinariamente ben conservato” cranio fossile di Homo erectus in Cina orientale, fornendo materiale prezioso per lo studio dell’evoluzione e della distribuzione dei primi uomini.
Il fossile è l’ultima scoperta dal sito archeologico Hualongdong a Dongzhi County, provincia di Anhui, che l’Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e paleoantropologia (IVPP) ha individuato nell’estate del 2006.
“Questo si sta rivelando un altro sito importante per l’homo erectus dopo scoperte sono state fatte a Zhoukoudian, dove Peking Man viveva, Lantian nel nord-ovest della Cina Shaanxi, Hexian Contea di Anhui, e Nanjing nella provincia orientale di Jiangsu”, ha detto Liu Wu, il ricercatore IVPP, responsabile dello scavo.
Il teschio al centro di questa scoperta, denominata Dongzhi l’uomo, è stato trovato insieme ad un assortimento di strumenti di pietra, altri denti umani e frammenti di ossa, così come più di 6.000 fossili di ossa appartenenti ad animali vertebrati, tra cui Stegodon, il tapiro gigante e panda giganti .
“Tutti questi indicano che il sito è esattamente dove gli uomini Dongzhi vivevano, avendo trovato le ossa degli animali rotte in modo del tutto innaturale. Per dirla più precisamente, sono stati tagliati o tagliati con strumenti a pezzetti, cioè gli animali sono stati mangiati o utilizzati come sacrifici “, ha detto Liu.
Il clou dei risultati: il cranio è stato scoperto il 11 ottobre ‘stato in parte racchiuso in terra, che ha contribuito a proteggerlo. La faccia può essere chiaramente ricomposta, compresa la cavità oculare completa, gran parte di osso nasale e zigomi.
“Alla scoperta di un antico fossile ben conservato di un cranio umano è un sogno che diventa realtà per un paleoantropologo, così tutta la nostra squadra sono stati così felicemente sorpresi”, ha detto Liu.
“Un teschio trasporta molte più informazioni rispetto a qualsiasi altro osso umano. Con esso, è più facile per noi ripristinare l’aspetto dell’essere umano e, in definitiva determinarne l’origine”, ha detto.
“Il cranio è compreso tra 150.000 e 412.000 o più anni, Liu ha detto, aggiungendo che ulteriori analisi sarà fatto per determinare la sua età esatta.”
“Homo erectus: Precedenti teschi rinvenuti in Cina dal 1926 sono o deformate o “senza volto, ma solo cranio”, ha spiegato Liu.
Oltre al cranio, gli scienziati hanno trovato i frammenti ossei umani che appartengono ad almeno quattro persone, tra cui un bambino.
“Insieme con i fossili di ossa di animali e gli attrezzi di pietra, si suppone che il sito sia stato la casa per una comunità umana relativamente matura”, ha detto Liu.
Prima dei più recenti scavi, gli archeologi avevano già trovato un dente umano fossilizzato, e frammenti di ossa umane e di mammiferi in Hualongdong.
Mentre è la tentazione di utilizzare i risultati in Dongzhi come prova di modelli migratori homo erectus in Cina, le implicazioni più ampie della scoperta Hualongdong rimangono poco chiari, i ricercatori hanno sottolineato IVPP.
“Le scoperte finora sono molto preliminari e solo l’inizio di un progetto che può durare per un decennio o più. Abbiamo appena aperto una finestra di una casa di tesoro paleoantropologica”, ha detto Liu.
“E ‘troppo presto per dire che ha un collegamento diretto con lo studio sull’origine degli esseri umani, ma crediamo Dongzhi sia l’uomo che ha alcuni collegamenti con l’homo erectus scoperto in precedenza, in particolare quella in Hexian County e Nanjing perché le due posizioni sono meno di 200 km da Dongzhi. ”
Il governo ha messo Dongzhi Hualongdong sotto protezione.
“Abbiamo in programma di assumere guardie per il sito e per costruire un museo qui per proteggere questo patrimonio per il mondo intero”, ha detto Lu Wenmin, capo del governo della contea.

Fonte: http://news.xinhuanet.com/, 20 nov 2015

Print Friendly, PDF & Email
Partners