TRIESTE. NEL MARE DELL’INTIMITÀ. L’archeologia subacquea racconta l’Adriatico.

Pubblicato il : 14 novembre 2017
Trieste 2

Il Mediterraneo è il mare della vicinanza, l’Adriatico è il mare dell’intimità (Predrag Matvejević, da Breviario mediterraneo, ed. Garzanti 2007).
A TRIESTE, PER LA PRIMA VOLTA INSIEME, UN MIGLIAIO DI REPERTI DA MUSEI ITALIANI, CROATI, SLOVENI E MONTENEGRINI, PER RACCONTARE A TUTTI, CON GLI OCCHI DELL’ARCHEOLOGIA SUBACQUEA, LE ROTTE, I PAESAGGI, GLI UOMINI E LE STORIE DEL NOSTRO MARE ADRIATICO.
Oltre 60 istituzioni culturali italiane e internazionali coinvolte, 50 studiosi, per un’esposizione di 2000 metri quadri che racconterà le straordinarie storie che emergono dal nostro mare Adriatico.
Per la prima volta saranno offerti al pubblico in una visione d’insieme relitti, opere d’arte e oggetti della vita quotidiana, merci destinate alla vendita e attrezzature di bordo, circa un migliaio di reperti provenienti dai numerosi giacimenti sommersi e prestati per l’occasione da musei italiani, croati, sloveni e montenegrini.
L’ex Pescheria-Salone degli Incanti di Trieste si trasformerà in un paesaggio d’acqua, un fondale sommerso che permetterà di leggere in maniera più esaustiva l’intensità degli scambi culturali e dei traffici commerciali, la specificità della costruzione navale antica, la ricchezza delle infrastrutture e il dinamismo dei paesaggi costieri, le storie degli uomini che hanno attraversato questo mare intimo.
trieste 1Con gli occhi dell’archeologia e della ricerca subacquea i visitatori saranno trasportati in un’ideale veleggiata lungo l’Adriatico, tra le due sponde e da nord a sud, per scoprire gli intensi rapporti che hanno tessuto su questo mare una ragnatela di rotte, traversate, itinerari, strade liquide lungo le quali si sono create una lingua comune, una comunità e un’identità fortemente unitaria.
Una grande mostra internazionale che si propone come un vero e proprio laboratorio di ricerca archeologica e valorizzazione di un bene talvolta ignorato o dimenticato: il patrimonio sommerso.
L’iniziativa è organizzata da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della regione Friuli Venezia Giulia – Servizio catalogazione, formazione e ricerca e Comune di Trieste – Assessorato alla Cultura; in collaborazione con Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, Polo Museale Regionale del Friuli Venezia Giulia, Federazione Archeologi Subacquei, Croatian Conservation Institute (Zagabria), ICUA-International Centre for Underwater Archaeology (Zara); con il patrocinio di Ministero beni e attività culturali e turismo (MiBACT), Ministero della Cultura Croato, Ministero del Turismo Croato, Ministero della Cultura Sloveno, Promoturismo Fvg e il contributo della Fondazione CRTrieste.

Info:
Dal 17 dicembre 2017 al 1 maggio 2018 – TRIESTE, ex Pescheria – Salone degli Incanti
Tutte le informazioni, iniziative speciali, eventi collaterali, visite guidate, laboratori didattici e riduzioni su www.nelmaredellintimita.itinfo@nelmaredellintimita.it
SOCIAL WALL – Con l’hashtag #intimoAdriatico si potrà seguire, condividere immagini, pensieri, commenti live sulla mostra, cercare informazioni e novità.
Video trailer della mostra: https://we.tl/vv6GZfpetn (da scaricare, durata 1 minuto)

Print Friendly
Partners